Pagine

mercoledì 3 dicembre 2014

BLITZ QUOTIDIANO

Guarda la versione ingrandita di La banconota da 300 euro spesa nella terra della Merkel



La banconota da 300 euro spesa nella terra della Merkel

di Alessandro Camilli

ROMA – Si apprende dalle cronache che una banconota da 300 euro è stata spesa con successo in Germania. La storia contiene e sprigiona molto più di quanto non sintetizza la fredda cronaca.
Primo: la banconota non era falsa. Era molto di più che falsa e molto di meno che falsa, era altro dal falso: era inventata. Falso si definisce copia dell’autentico artefatta, fabbricata per ingannare. I 300 euro autentici non esistono, non c’è la banconota vera da imitare. Un biglietto da 300 euro è quindi più, meno e altro dal falso. E’…che cosa è?
Secondo: già, cosa è? Perché dei falsari, falsari organizzati, professionisti del ramo, in grado di conferire alta qualità ai prodotti, alle bancone false, dominanti sul mercato (si attribuisce loro il 90% della contraffazione di euro sul pianeta) si prendono la briga di stampare il falso di una banconota che non esiste?
Terzo: si prende la briga o lo sfizio? Lo sfizio, il gusto. La centrale dei falsari è a Napoli, l’ipotesi dello sfizio si fa più fondata. Lo sfizio di strafare, di osare. Lo sfizio, il divertimento della sfida. Una sorta di guardiamo se qualcuno ci casca e chi ci casca. Una creatività nel delinquere, una creatività magari a rimetterci e non a guadagnare. Quanti “300 euro” potrai mai sbolognare? Eppure si sono presi lo sfizio di immaginarla e stamparla.
Quarto: fu vero spaccio? Spaccio è quando “spacci” moneta folsa. Qui hanno speso moneta inventata.
Quinto: chi l’ha incassata quella moneta inventata? Non si sa se sia stato un distratto, un ingordo, un folgorato…Non si sa se in una piccola o grande città o in campagna, in un ristorante, farmacia o, dio non voglia, banca.
Sesto: si sa solo che la “trecento euro che non c’è” è passata di mano in Germania. E che quindi c’è una micro astuzia della storia anche nelle micro cronache. Non poteva essere che un rigoroso tedesco a dare un senso allo sfizio di un falsario napoletano.